Aldous

Blog di difesa concettuale

Perché un’idea generale dovevano pure averla, per compiere il loro lavoro intelligentemente; e tuttavia era meglio che ne avessero il meno possibile, se dovevano riuscire più tardi buoni e felici membri della società. Perché, come tutti sanno, i particolari portano alla virtù e alla felicità; mentre le generalità sono, dal punto di vista intellettuale, dei mali inevitabili.

Aldous Huxley

Benvenuto

Totalitarismo compassionevole

IL NOMINABILE ATTUALE

Qualora fosse umanamente possibile, la campagna elettorale aumenta la confusione. Questioni gravi e questioni irrilevanti, problemi reali e capziosità, paure vere e chiamate alle armi di sessant’anni fa ritirate fuori oggi alla bisogna, si accavallano senza sosta. “L’innominabile attuale”, il presente incomprensibile entro cui seguiamo o persino pretendiamo di guidare gli altri (come nella bruegeliana parabola dei ciechi) si fa ancora p...

Continua a leggere...

Circolari ipnopediche

EDUCANTE?

L’espressione «Comunità educante», diffusa e ripetuta in vari documenti del Ministero italiano dell’Istruzione e nella elaborazione dei suoi pedagogisti, è una delle più significative, in parte criptiche ma sostanzialmente chiare, espressioni della potenza che il linguaggio possiede nel nascondere la realtà mentre la designa. In altri termini, si tratta di una formula fortemente ideologica, volta a nasco...

Continua a leggere...

Biblioteca del coraggioso
mondo nuovo

PENSARE ANCORA IL LAVORO?

Va detto con chiarezza: il lavoro, i diritti ad esso collegati, la sua funzione emancipativa e di riconoscimento sociale sono da decenni al centro di una regia di svilimento tutt’altro che contingente e fatale condotta in Italia, più che in altre nazioni occidentali, con particolare perizia. Negli ultimi quindici anni i lavoratori poveri sono raddoppiati nel nostro paese, in percentuale maggiore rispetto alla media europea; al contempo rimuovere la piaga de...

Continua a leggere...

Distopie

IL NUOVO BUSINESS DELLA REALTÀ DEBOLE

Per secoli, qualunque idea avesse il filosofo della realtà, la sua percezione di un bicchiere non era diversa da quella del macellaio.

Nel buddismo, la realtà è solo un'illusione, per l'idealismo, la realtà è il prodotto del soggetto e per il costruttivismo, la realtà è attivamente e socialmente costruita. Tuttavia, nessuna di queste teorie ha mai cambiato il modo in cui il...

Continua a leggere...