Aldous

Blog di difesa concettuale

Perché un’idea generale dovevano pure averla, per compiere il loro lavoro intelligentemente; e tuttavia era meglio che ne avessero il meno possibile, se dovevano riuscire più tardi buoni e felici membri della società. Perché, come tutti sanno, i particolari portano alla virtù e alla felicità; mentre le generalità sono, dal punto di vista intellettuale, dei mali inevitabili.

Aldous Huxley

Benvenuto

Totalitarismo compassionevole

FUNZIONARE È MEGLIO CHE ESISTERE?

La vicenda pandemica è destinata a comparire ancora nelle riflessioni sulla contemporaneità per aver segnato una misura con cui saggiare il tasso di democrazia della vita pubblica e, insieme, un modo di scandire la vita personale tra un prima, un durante e un dopo-Covid. Altri fatti, gravi almeno quanto la pandemia se non di più, non hanno lasciato la stessa impronta nel linguaggio corrente. Non è accaduto per eventi spartiacque come l'...

Continua a leggere...

Circolari ipnopediche

CHI TACE, ACCONSENTE

Con la fine dell’emergenza pandemica e l’attenuazione dell’allarmismo, sulla strada del ritorno ad una vita più normale comincia ad emergere qualche voce dissonante rispetto all’uniformità di opinione che ha caratterizzato il corso degli ultimi due anni e mezzo: si tratta di articoli giornalistici in cui compaiono – anche se in modo fugace – notizie di attualità e relazioni di studi scientifici ...

Continua a leggere...

Biblioteca del coraggioso
mondo nuovo

ANNI DOPO I PRIMI AVVISTAMENTI…

Qualche anno fa, era il 2015, quando uscì per la prima volta il libro di Davide Miccione dal titolo “Lumpen Italia. Il trionfo del sottoproletariato cognitivo”, preparai una presentazione che, rifacendomi alle parole del testo, intitolai “Avvistamenti”. L’autore, infatti, invitava e continua a invitare (anche nella nuova edizione del 2022 per i tipi di letteredaQALAT) il lettore ad avvistare «una nuova figura contemp...

Continua a leggere...

Distopie

TASSONOMIA DELLA RESISTENZA

I modi in cui gli uomini affrontano le avversità si dividono in consapevoli e inconsapevoli delle ragioni della loro sofferenza.

I modi consapevoli si dividono in quelli in cui si tenta una reazione e quelli in cui si accetta più o meno di buon grado la sofferenza.

La resistenza basata sull'accettazione può essere funzionale ad uno scopo o basata sull'accettazione di un disegno superiore. Continua a leggere...