Aldous

Blog di difesa concettuale

Perché un’idea generale dovevano pure averla, per compiere il loro lavoro intelligentemente; e tuttavia era meglio che ne avessero il meno possibile, se dovevano riuscire più tardi buoni e felici membri della società. Perché, come tutti sanno, i particolari portano alla virtù e alla felicità; mentre le generalità sono, dal punto di vista intellettuale, dei mali inevitabili.

Aldous Huxley

Benvenuto

Totalitarismo compassionevole

IL PASTORE E IL GREGGE

Gli uomini tendono ad essere gregge per natura, e ogni uomo desidera essere una pecora sotto un pastore. Essi seguono l'autorità (Milgram 1974), si comportano in conformità (Asch 1956) e sono inclini all'obbedienza. Possono facilmente cadere vittima della razionalità burocratica, della lealtà, dell'identità e del patriottismo. In breve, la natura vuole che l'uomo sia una pecora, e l'uomo si in...

Continua a leggere...

Circolari ipnopediche

LA TRAVE E LA PAGLIUZZA

Costituisce un caso unico la quasi totale impunità e immunità che la comunità internazionale contemporanea riserva a uno dei suoi Stati. Al di là infatti delle ormai ultradecennali, tradizionali e del tutto disattese ‘risoluzioni’ dell’ONU; al di là degli ‘ordini’ della Corte Internazionale di Giustizia e della Corte Penale Internazionale che intimano di sospendere immediatamente le ...

Continua a leggere...

Biblioteca del coraggioso
mondo nuovo

LA FINE DELLE IDEOLOGIE (DEGLI ALTRI)

La nostra epoca non è certo contrassegnata dalla fine delle ideologie, dopo che, sbaragliata la concorrenza, la grande narrativa del pensiero unico gode di ottima salute; c'è invece da esitare sull'inconsistenza della tesi di Fukuyama della fine della storia giacché quella del mondo occidentale sembra aver trovato nel capitalismo un ancoraggio talmente saldo da impedire il benché minimo sommovimento capace di metterne in crisi ...

Continua a leggere...

Distopie

IL BELLO E IL BRUTTO DEL BRUTTO

Nel complesso panorama contemporaneo di visioni e previsioni distopiche non poteva non irrompere il brutto. È stato ed è sempre lì in agguato, pronto a imporsi a tutti noi. Tuttavia, non si tratta del solito brutto a cui fanno riferimento gli esteti e le estetiche di ogni epoca e luogo. Non è l’amorfo che banalizza l’immagine della realtà che ci circonda. Non è l’anarchico che si contrappone ...

Continua a leggere...